direttore responsabile Goffredo Morgia
Registr. Trib. Roma n.338/2007 del 19-07-2007
INFORMAZIONI DEL GIORNO – NEWS PER GLI ITALIANI ALL'ESTERO

A Monaco di Baviera il convegno “Cultura e creatività come materie prime del futuro? Il ruolo delle industrie culturali e creative in Italia e in Germania”

CAMERE DI COMMERCIO

L’iniziativa, prevista domani, è promossa dalla Camera di commercio italo-tedesca in collaborazione con l’Ambasciata d’Italia in Germania

 

MONACO DI BAVIERA – Si svolgerà domani, giovedì 19 luglio, alle ore 17, presso la Bayerische Landesbank di Monaco di Baviera il convegno dal titolo “Cultura e creatività come materie prime del futuro? Il ruolo delle industrie culturali e creative in Italia e in Germania”, promosso dalla Camera di commercio italo-tedesca in collaborazione con l’Ambasciata d’Italia in Germania.

L’interdipendenza e la complementarietà economica fra Italia e Germania sono note e radicate nei secoli. Eppure, vi è un settore rimasto finora ai margini del dibattito e che tuttavia dischiude un grande potenziale: le industrie culturali e creative, nelle quali i nostri due Paesi sono ai vertici delle classifiche europee, sia in termini di valore aggiunto (€ 98,8 miliardi in Germania, € 92, miliardi in Italia) sia di posti di lavoro (1,6 milioni in Germania, 1,52 in Italia). La cultura ha poi sul resto dell’economia un effetto moltiplicatore, reso ancora più evidente oggi dai processi di trasformazione digitale. Il convegno si propone di confrontare e valorizzare le esperienze italiane e tedesche e fungere da stimolo per una discussione sui modelli di sviluppo che mettono al centro il capitale culturale. Ci si chiederà in che modo la molteplicità delle nostre specializzazioni possa contribuire a una crescita sostenibile e inclusiva, come possono le nuove generazioni di “nativi digitali”, dotati di competenze così diverse e trasversali, rinnovare quei settori tradizionali, come l’artigianato e la moda, senza perdere il legame con i saperi dei territori e con il patrimonio culturale e se la creatività e la cultura diventeranno le materie prime del futuro in un mondo in cui oltre la metà dei posti di lavoro attuali rischia di essere sostituita dall’intelligenza artificiale.

Sono previsti gli interventi di Jürgen Michels, chief economist and head of research presso la Bayerische Landesbank; Domenico Sturabotti, direttore della Fondazione Symbola; Jörg Ohnemus, vice direttore del Dipartimento Economia Digitale del Centre for European Economic Research (ZEW) e Sylvia Hustedt, direttrice generale dell’u-Institut e direttore del Competence Center per le Industrie culturali e creative del Governo tedesco. Modera Thomas Fromm, giornalista del quotidiano tedesco Süddeutsche Zeitung.

A termine della tavola rotonda è previsto un dibattito con il pubblico. (Inform)

Facebooktwittergoogle_pluslinkedinmail
Powered by WordPress | Designed by Elegant Themes