direttore responsabile Goffredo Morgia
Registr. Trib. Roma n.338/2007 del 19-07-2007
INFORMAZIONI DEL GIORNO – NEWS PER GLI ITALIANI ALL'ESTERO

A Ferrara dal 21 al 23 marzo la 25^ edizione del Salone internazionale del restauro

TURISMO E CULTURA

Emilia Romagna: patrimonio culturale in vetrina, focus su borghi antichi e industrie creative

BOLOGNA – La mostra sui Borghi italiani con le circa mille località dell’Italia meno conosciute, il percorso dei restauri eccellenti condotti dall’Istituto per i beni culturali della Regione in oltre quarant’anni di attività e lo spazio dei cluster delle industrie creative curato da Aster. Sono queste le proposte che la Regione Emilia-Romagna porta alla 25^ edizione del Salone internazionale del restauro dei musei e delle imprese culturali che si tiene a Ferrara dal 21 al 23 marzo.

Alla presentazione alla stampa oggi in Regione erano presenti, tra gli altri, l’assessore regionale al Turismo Andrea Corsini, Sabina Magrini per il ministero per i Beni culturali, Roberto Balzani e Claudio Leombroni presidente e direttore dell’Istituto per i Beni culturali, Carlo Amadori dell’organizzazione del Salone.

Lo spazio Regione Emilia-Romagna sarà dominato dall’allestimento della mostra ‘Borghi- Viaggio italiano’ con il grande touch screen che raccoglie informazioni su 1000 borghi italiani, di cui ben 58 in regione, allestito in collaborazione con Apt servizi.

Complessivamente sono stati 36 i progetti di riqualificazione finanziati nel periodo 2007-2014, per un totale di 37 milioni di euro di fondi comunitari Por Fesr, a cui si sono aggiunti altri 24 milioni per la realizzazione di 262 azioni di valorizzazione turistica.

Illustrando le iniziative dell’Istituto per i beni culturali al Salone, il presidente Roberto Balzani ha ricordato i 294 interventi di restauro realizzati dall’ Ibc in Emilia-Romagna dal 2001 al 2016 sul patrimonio museale dei Comuni per una spesa complessiva di oltre tre milioni di euro. “La mostra che presentiamo– ha spiegato Balzani– racconta l’impegno dell’Istituto nella valorizzazione complessiva di beni e spazi pubblici dei Comuni”. (Inform)

Facebooktwittergoogle_pluslinkedinmail
Powered by WordPress | Designed by Elegant Themes