direttore responsabile Goffredo Morgia
Registr. Trib. Roma n.338/2007 del 19-07-2007
INFORMAZIONI DEL GIORNO – NEWS PER GLI ITALIANI ALL'ESTERO

A Bruxelles il Consiglio dei Ministri europei del settore

AGRICOLTURA

Il ministro italiano Gian Marco Centinaio a colloquio anche con il commissario Ue per la sicurezza alimentare Vytenis Andriukaitis

 

BRUXELLES – Il ministro delle Politiche agricole alimentari, forestali e del turismo, Gian Marco Centinaio, ha partecipato a Bruxelles al Consiglio europeo dei Ministri dell’Agricoltura e della Pesca. Al centro della discussione: il futuro della Pac dopo il 2020, il settore dello zucchero, la situazione sulla peste suina africana,  l’accordo commerciale Mercosur, la crescita delle importazioni di riso Japonica dal Myanmar e l’esito della terza conferenza ministeriale Ue – Unione africana.

Sull’accordo commerciale Mecorsur è stato ribadito – si legge nella nota diffusa dal Ministero delle Politiche agricole in proposito – come esso sia un accordo molto sbilanciato a danno dell’intera agricoltura europea, anche perché i problemi si riscontrano su più fronti: riso, carne avicola, vino, pasta e zucchero. Per non parlare del capitolo delle indicazioni geografiche: le deroghe previste sono troppe. Sul fronte risicolo, a seguito della crescita di importazioni dal Myanmar, il Ministro ha chiesto alla Commissione di monitorare con estrema attenzione la situazione, di attivare appositi controlli nei punti di entrata, per verificare la qualità del prodotto e, se del caso, attivare un’indagine finalizzata ad un possibile ripristino dei dazi.

Per quanto concerne la PAC, Centinaio ha invece ribadito come “l’Italia condivide la proposta di una Politica agricola comunitaria più ambiziosa dal punto di vista ambientale purché non si traduca in maggiori oneri e complicazioni per il mondo agricolo, soprattutto se non adeguatamente remunerati”. Sulla peste suina infine è stato ricordato come sia stato adottato un piano di contrasto alla diffusione della malattia.

Il ministro Centinaio ha poi incontrato il commissario Ue per la sicurezza alimentare Vytenis Andriukaitis, al quale ha illustrato la posizione italiana sui diversi schemi di etichettatura nutrizionale proposti da alcuni Stati membri e ha chiesto alla Commissione europea di non approvare modelli fuorvianti per il consumatore e distorsivi rispetto al concetto di qualità sostenuto a livello europeo. Il commissario Andriukaitis è stato inoltre invitato in Italia per il prossimo settembre, in modo da condividere i passi in avanti compiuti dalle autorità italiane nella lotta alla Xylella. (Inform)

Facebooktwittergoogle_pluslinkedinmail
Powered by WordPress | Designed by Elegant Themes