direttore responsabile Goffredo Morgia
Registr. Trib. Roma n.338/2007 del 19-07-2007
INFORMAZIONI DEL GIORNO – NEWS PER GLI ITALIANI ALL'ESTERO

L’intervento del Direttore Generale del Maeci per gli Italiani all’Estero e le Politiche Migratorie Luigi Maria Vignali

CGIE

 

Ritengo che le prossime elezioni dei Comites si debbano necessariamente tenere nella primavera del 2020, auspico che la tornata elettorale coinvolga i giovani italiani all’estero, dando un seguito alla conferenza di Palermo

ROMA – Tra gli interventi di apertura dell’Assemblea Plenaria del Cgie c’è stato quello di Luigi Maria Vignali, Direttore Generale per gli Italiani all’Estero e le Politiche Migratorie del Maeci. “Come sempre – ha esordito Vignali – il Cgie è un momento di confronto e di riflessione molto importante. Ritengo che le prossime elezioni dei Comites si debbano necessariamente tenere nella primavera del 2020. Affinché questa importante scadenza sia mantenuta, abbiamo già avviato una ricognizione nella rete diplomatica e consolare per avere una visione della spesa. In queste elezioni per gli italiani all’estero ci sarà un forte impegno da parte nostra. Auspico che la tornata elettorale coinvolga i giovani italiani all’estero, dando un seguito alla conferenza di Palermo, e il mondo dell’associazionismo. Questo sia il messaggio da trasmettere, ossia coinvolgiamo le nuove generazioni di italiani all’estero”. Vignali ha poi rilevato come per ora lo stanziamento delle risorse appare sufficiente per le richieste di integrazione dei Comites che sono state tutte accolte, anche se ulteriori incrementi dall’assestamento di bilancio sarebbero benvenuti.

Il Direttore Generale si è anche soffermato sul voto europeo, in proposito ha precisato come sia necessario spingere ancor di più sul processo d’integrazione europea. Vignali ha quindi parlato dell’evoluzione digitale e tecnologica dei servizi consolari. “Fast It è sempre più usato: a breve sarà possibile richiedere il codice fiscale attraverso Fast It che è un passo indispensabile per ottenere a breve la carta di identità elettronica. A settembre la carta verrà sperimentata a Vienna, con il lancio ufficiale, poi ad Atene e a Nizza e in pochi mesi sarà estesa in tutta Europa: le richieste vengono accolte dalla rete delle ambasciate e dei consolati e trasmesse al Poligrafico di Roma, quindi la trasmissione del documento ai connazionali all’estero avverrà per posta. Ricordo anche la presentazione venerdì dell’applicazione ‘Mappamondo’, utile soprattutto per i nuovi italiani all’estero che hanno bisogno di servizi consolari” ha aggiunto Vignali che ha parlato anche delle politiche di rinforzo dell’organico presso le sedi consolari attraverso l’assunzione di personale a contratto. “La nostra – ha proseguito il Direttore Generale – è un’amministrazione impegnata anche in zone critiche come il Venezuela, dove mi sono recato di persona per incontrare la comunità italiana e dove stiamo migliorando la nostra rete consolare, In questo Paese abbiamo un nuovo e ambasciatore che è attivissimo nel dare risposte alla nostra collettività martoriata da una crisi devastante. Infine – ha aggiunto Vignali – abbiamo il Decreto Brexit, importante perché in concreto stanzia 1 milione e mezzo per i servizi ai connazionali e 2 milioni e mezzo per la ristrutturazione e l’acquisto di immobili”. Vignali ha anche ricordato la recente iniziativa di successo dal titolo “I diari raccontano” finalizzata a preservare la memoria dell’emigrazione italiana. (Simone Sperduto/Inform)

Facebooktwittergoogle_pluslinkedinmail
Powered by WordPress | Designed by Elegant Themes